0 MARCHI
SELEZIONATI
Request information
Details




Quanto ti viene chiesto è in ottemperanza al Regolamento Generale sulla Protezione Dati UE 2016/679 (GDPR). Ti invitiamo a leggere l'informativa completa.
June 13, 2019

Aprire un Negozio di Elettrodomestici e Casalinghi in Franchising

Per tutti coloro che sono appassionati di progettazione, fornitura, cucina o semplicemente alla ricerca di un’idea per avviare un negozio di gestione semplice che può essere comunque attraente e utile oggi, l’avvio di un elettrodomestico e di un negozio per la casa potrebbe essere una buona idea. Riuscire ed evitare errori, riducendo notevolmente le possibilità di fallimento e semplificando sia l’avvio che la gestione, affidarsi a un produttore in franchising è spesso la scelta migliore. Confronta le migliori proposte per aprire un Elettrodomestico e Home Store QUI Ma vediamo insieme cosa è necessario per avviare un elettrodomestico e un negozio per la casa e perché è molto meglio scegliere un franchising.

I vantaggi del franchising

L’inizio di un negozio di oggetti e articoli per la casa in autonomia potrebbe porre una serie di problemi. Non tanto per il compito in sé, che non richiede competenze o esperienze speciali, né licenze o qualifiche, ma più per quanto riguarda la preparazione del compito, di base da non trascurare, dovrebbe differenziarsi per l’alta competizione del i grandi rivenditori e l’e-commerce, così come l’obbligo di offrire tariffe sempre vantaggiose e beni di qualità, il tutto con una struttura e una varietà di prodotti interessanti in conformità con le tendenze del mercato. Aprire un franchising di elettrodomestici e articoli per la casa consente di semplificare sia l’inizio che la direzione. L’adesione a una rete rende possibile lo sfruttamento di un formato chiavi in ​​mano a causa di ciò che l’affiliato sta per essere reso solo con il lavoro di gestione e promozione. La casa madre si occuperà del resto. Tra i principali vantaggi di franchising casalinghi e elettrodomestici troviamo ora:

Cosa serve

Per avviare un negozio di elettrodomestici da cucina e elettrodomestici in franchising, sarà richiesto un posto con grande visibilità, situato in aree con elevato afflusso pedonale o traffico veicolare, con possibilità di parcheggio annessi o di fronte, insieme a grandi finestre affacciate sulla strada e su un piano. I locali devono avere una superficie compresa tra 60 e 120 metri quadrati, o comunque in base alla struttura e ai criteri dell’azienda madre, e deve esserci un bacino di utenza sufficiente, normalmente non superiore a 30.000-50.000 abitanti . In ogni caso, il vantaggio maggiore rispetto al lancio di un elettrodomestico in franchising e di un negozio di articoli per la casa è il servizio continuo e il supporto che la casa madre fornisce al franchisee dal periodo di avvio. Ne consegue che, a differenza dell’introduzione in autonomia, per aprire un negozio di elettrodomestici e oggetti in franchising avrai un supporto completo per la tua scelta e il reperimento del luogo, per la stipula del contratto di leasing o di vendita, anche per la burocrazia obblighi e le misure legali, per il marketing e per la vostra inaugurazione. Se le abilità nel retail e nel management sono più preferibili e preferibili, le capacità imprenditoriali e organizzative, per essere realmente richieste dalle future affiliate, a causa della formazione professionale offerta dalla casa madre, sono solo una fantastica passione per l’industria e il desiderio di capire e iniziare un’azienda di successo.

I costi

Lanciare un negozio in franchising e elettrodomestico in genere comprende un formato completo (installazione, arredamento, applicazioni di gestione, suggerimenti e sostanza di marca, prima fornitura spesso in vendita, apertura e prima comunicazione, corsi di coaching per tutto il personale, ecc.). Alla luce dei servizi il fornitore richiede un investimento medio di 30.000 euro. Chiaramente il primo investimento necessario per aprire un negozio per elettrodomestici e elettrodomestici in franchising dipenderà dal tipo di struttura, dalle dimensioni della stanza, dalla gamma di merci e dalla posizione del nuovo e dai servizi offerti agli affiliati. Se per un piccolo negozio di oggetti in franchising potrebbe essere richiesto anche solo 15.000 euro di investimento, anche per un super-negozio di elettrodomestici con grandi elettrodomestici e un segno conosciuto a livello nazionale o globale può anche funzionare oltre 100.000 euro di investimento. Dovrà quindi prendere in considerazione, anche se sono preventivati ​​nella fase iniziale insieme alla società madre, i costi associati al personale, il leasing o l’acquisto dei loro locali, la ristrutturazione e il campo in conformità e le seguenti tariffe e servizi pubblici, saranno incaricati del contratto Liato.

Iter e requisiti

Aprire un negozio che vende articoli per la casa, elettrodomestici e articoli in franchising non richiede requisiti specifici o titoli di studio. Sarà sufficiente attenersi alla tipica procedura burocratica per le attività di vendita al dettaglio come: Tutti i franchising di elettrodomestici ed elettrodomestici possono essere trovato da CLICCANDO QUI