0 MARCHI
SELEZIONATI
Request information
Details




Quanto ti viene chiesto è in ottemperanza al Regolamento Generale sulla Protezione Dati UE 2016/679 (GDPR). Ti invitiamo a leggere l'informativa completa.
June 13, 2019

Aprire un Negozio dell’Usato in Franchising


Una tendenza sempre più sentita nel mercato di oggi è quella dell’usato e del classico. Quando si tratta di mercati di seconda mano, negozi di antiquariato o negozi di abbigliamento e accessori vintage di moda, questo tipo di negozio, dopo il successo ormai consolidato all’estero, è in piena espansione anche initalia. Valuta QUI i migliori Vintage Franchising e QUI i negozi di prossima mano in franchising Lanciare un negozio dell’usato potrebbe quindi essere un’attività redditizia con molta attenzione.

Perché scegliere il franchising


Aprire un negozio da solo potrebbe non essere semplice. Decidere il formato Scoprire la sede corretta, individuare il prodotto ideale o scegliere i fornitori, pianificare e stimare costi e ricavi, sono tutti elementi su cui dipende molto del loro successo imprenditoriale. Esperienza imprenditoriale o non sono familiari o esperti nel settore del vintage e di seconda mano, una scelta eccellente è quella di scegliere l’affiliazione. Apri un negozio in franchising usato o un negozio classico per divertirti

Cosa serve ed i costi


Per avviare un negozio dell’usato dovrai scoprire una stanza con una superficie minima compresa tra 100 e 400 metri quadrati. Prima di scegliere lo spazio, sarà utile informarsi nella Camera di Commercio nativa, nel SUAP e nel Comune se è possibile aprire l’azienda in una stanza con una destinazione di artigianato (nel caso in cui un magazzino sarà sufficiente, insieme al noleggio prezzi al metro quadrato più irrisori) o se la destinazione industriale è necessaria (in questo caso i prezzi di affitto per metro quadrato probabilmente saranno più alti e sarà necessario rispettare i requisiti di pulizia e sicurezza, istituendo anche i servizi sterili ). Il luogo di apertura può anche essere non centrale purché vi sia un’adeguata affidabilità, semplicità di accesso, presenza di parcheggi anteriori o adiacenti e un bacino di utenza sufficientemente ampio.Dopo aver valutato il mercato, il bacino di utenza, la presenza effettiva di eventuali clienti e come ogni competizione, e avendo scelto il posto, sarà necessario accoglierlo, strategia e preparare gli spazi, allestire le varie regioni dedicate alla mostra, cassa, occasione Tali servizi igienici, vanità, ecc. Infine, ma non meno importante , sarà essenziale trovare la merce ideale sul mercato. Le opzioni sono distinte. In realtà, puoi scegliere le vendite tradizionali, trovare la merce e acquistarle istantaneamente da privati, negozi, grossisti, internet o fornitori stranieri e poi rivenderle, o ottenere una vendita che assomigli all’account di vendita, o esponendo e tenendo beni di proprietà di terzi e che agiscono come semplici intermediari di vendita tra privati, pagando le vostre merci solo una volta effettivamente vendute. La prima è l’opzione più costosa, ma consente anche di avere un maggiore controllo sulle merci nel negozio oltre ai costi e ai margini di profitto. La seconda alternativa è piuttosto la meno costosa, ma può imporre compromessi sui margini di profitto (che saranno divisi con il privato, il proprietario iniziale di questo prodotto) e sulla gamma di prodotti (in realtà, sarà necessario affidare a chi offre la propria merce a chi li offre). Un altro trucco per avviare un negozio di seconda mano di successo sarà l’allocazione dell’attività, sia online che offline, la creazione di un portale web, oltre a campagne di fidelizzazione e comunicazione, promozioni periodiche e l’inaugurazione. Soprattutto se decidete di trovare la merce in consegna, sarà importante iniziare a sponsorizzare l’attività molto prima dell’effettiva apertura, per trovare i prodotti da esibire in negozio in tempo. Aprire un negozio in franchising utilizzato facilita nella maggior parte delle misure sopra esposte. Infatti, la casa madre fornisce un supporto continuo, indirizzando l’affiliato passo dopo passo verso ogni realizzazione necessaria per iniziare e gestire l’attività. Aprire un franchising usato o un negozio vintage richiede un investimento, anche con una formula chiavi in ​​mano. A partire da poche centinaia di euro circa 20.000-30.000 euro. Valutare l’investimento è il modo in cui i prodotti vengono acquistati, la posizione e la solidità del segnale, nonché la disposizione e i servizi offerti all’affiliato.

Iter e requisiti


L’apertura di un negozio di seconda mano in franchising richiede il rispetto dei tipici requisiti legali. Il processo burocratico da portare fuori per aprire un negozio in franchising classico o usato sarà in realtà: sarà quindi necessario rispettare tutti gli standard personali, e per quanto riguarda i locali e le posizioni, richiesti dalla casa madre. Questi variano in base alla reputazione del produttore selezionato, alla rigidità dei loro standard e all’ampiezza di questa rete e verranno comunicati e richiesti all’eventuale affiliato in modo evidente e preventivo. Confronta QUI l’Ideal Vintage Franchises e QUI i negozi di seconda mano in franchising